Maurizio Pigozzo

English Hrvatski

PERCHE' KHEPERA?

PERCHE' KHEPERA?

Perchè proprio Khepera? Come sono arrivato a Khepera? Sono stato fotograficamente inattivo per diciannove anni: dovevo ricominciare tutto daccapo. Riguardavo le mie vecchie stampe degli anni Settanta e, pur non rinnegando niente, compresi che forse quel modo figurativo di fotografare aveva fatto il suo tempo. Come intendevo ripartire? Non potevo più disporre del colore (per la sparizione dal mercato del sistema Cibachrome), quindi decisi di procedere solo con il vecchio bianco e nero. Un giorno acquistai un CD di Randy Weston, noto musicista jazz, intitolato Khepera. Leggendo le note di copertina scoprii il significato di tale parola esotica: "Khepera", antico geroglifico egiziano significante "la trasformazione", trasformazione di tutte le cose. Fu un'illuminazione! Decisi di dare uno sguardo verso l'irreale, di riprendere, a modo mio, tutto ciò che si andava ponendo davanti all'obbiettivo, visualizzando e accostandomi al soggetto con occhio diverso, più selettivo. Gli oggetti perdevano la loro ragion d'essere per divenire intersezioni di linee con ombre che assumevano neri intensi, quasi catramosi. Scrutavo al loro interno, cercandone, dove era possibile, l'anima, l'origine, la materia, magari trasformando il banale nell'interessante, l'invisibile nel visibile. Il soggetto/oggetto cambiava pelle, diventava un polo d'attrazione per lo sguardo, spesso superficiale, dell'osservatore distratto. "Khepera", parola magica, è stata la molla che mi ha proiettato verso nuovi orizzonti e inusitate tendenze.

M.P.

                                                                                                                                                        

LEGENDA

In presenza di due date, la prima si riferisce allo scatto fotografico, la seconda alla stampa.

SA: stampa sottoposta a trattamento conservativo mediante stabilizzatore d'argento

VS: stampa sottoposta a trattamento conservativo mediante viraggio al selenio

FQ: opera il cui esemplare 2/2 fa parte della Collezione del Museo della Fondazione Fernando Quiñones di Cadice (Spagna)

CP: opera presente in Collezioni Private

 

KEY

When two dates are present, the first refers to when the photo was taken, the second to when it was printed.

SS: print subjected to silver stabilizer preservative processing

ST: print subjected to selenium toner preservative processing

FQ: copy number 2/2 of this work is part of the Fernando Quiñones Foundation Museum Collection in Cadiz (Spain)

CP: work present in Private Collections

 

LEGENDA


Prisutna su dva datuma, od kojih se prvi odnosi na vrijeme snimanja fotografije, a drugi je datum štampanja.

ZSS: štampa obrađena zaštitom preko stabilizatora srebra

ZS:  štampa obrađena zaštitom pomoću selenija

FQ: djelo primjerka 2/2 čini dio kolekcije “Fondacija Quiñones" iz Cadiz-a (Španjolska)

CP: Djelo prisutno u Privatnim Kolekcijama